ILLEGALISMO E PROPAGANDA CON I FATTI

Scritto tratto da "L'Esplosione" 2001 Rivolta permanente con la parola, con gli scritti, col pugnale, col fucile, con la dinamite. Per noi, è buono tutto ciò che non è legale. P.Kropotkin,”Le Rèvolte” (dicembre 1880) Sgombriamo il campo, anzitutto, della flora parassitaria che vi si infittisce e rende sterili molti sforzi: equivoci, antiquate impostazioni generali, pessimismi... Continue Reading →

Severino Di Giovanni: In Una Parola

«In una parola, l’innamorato della vita vuol goderla pienamente... Non potrei definire ciò che è la felicità: però anche il refrattario che non si adatta all’ambiente prova soddisfazioni... Mi si dirà che questa lotta [per un migliore domani] è piena di ostacoli, che i cardi della via sono molti. Però, se vi piacciono ardentemente delle... Continue Reading →

Albert Libertad: Ai Rassegnati

Ai rassegnati   di Albert Libertad (13 aprile 1905)   Odio i rassegnati! Odio i rassegnati, come odio i sudici, come odio i fannulloni. Odio la rassegnazione! Odio il sudiciume, odio l’inazione. Compiango il malato curvato da qualche febbre maligna; odio il malato immaginario che un po’ di buona volontà rimetterebbe in piedi. Compiango l’uomo incatenato,... Continue Reading →

Carlo Cafiero: I tempi non sono maturi!

I tempi non sono maturi! Repetita juvant Io so che i nemici maggiori del progresso non sono i despoti, i tiranni, gli oscurantisti. Questi, nel loro assurdo, fanno meglio apparire direi quasi i vantaggi, le bellezze della idea del progresso, e così, in un certo senso, gli servono mirabilmente. I maggiori nemici del progresso sono... Continue Reading →

Ad Albert Libertad: “La gioia del vivere”

Libertad era solito organizzare anche feste, balli e gite campestri, conseguentemente alla sua visione dell’anarchismo come «gioia di vivere» e non come sacrificio militante e pulsione di morte, cercando di conciliare le esigenze dell’individuo (nel suo bisogno di autonomia) con la necessità di distruggere la società autoritaria. Libertad infatti superò la falsa dicotomia rivolta individuale/rivol uzione... Continue Reading →

Emile Armand: LA SOLIDARIETA’ INDIVIDUALISTA

  Gli individualisti anarchici sono degli esseri che vogliono vivere, isolati od associati, la loro vita al di fuori di ogni ingerenza o intervento legale, governativo, amministrativo, regolamentare od altro qualunque esteriore ad essi, considerati come individui. Le società umane nelle quali essi evolvono sono basate, fondate sulla coercizione governativa, sulla dominazione e lo sfruttamento dell’uomo per... Continue Reading →

A Renzo Novatore…IL NULLA CREATORE

Dal nulla emerge la creazione dionisiaca,  l'eterna volontà di generare, la fecondità che mai cessa, l'eterno ritorno. Si tratta di un gioco, dove come posta c'è la propria vita. A vincere è chi non ha paura di morire con le armi in pugno. Ormai è provato... La vita è dolore! Ma noi abbiamo imparato ad... Continue Reading →

La PURGA FINALE CONTRO I MAKHNOVISTI 1937-1938

Una breve esposizione della repressione che si abbatté su degli anziani membri del movimento makhnovista nel 1937-38. Gli anni 1937-38 furono un periodo terribile in unione sovietica. Stalin attaccò i nemici che egli individuava all'interno del partito Comunista, assassinando quelli organizzati all'interno dell'Opposizione Trotskista così come numerosi vecchi bolscevichi come Bucharin, Kamenev et Zinoviev. Così... Continue Reading →

Scritto storico dell’anarchico Alfredo Cospito

Il seguente contributo storico del compagno anarchico Alfredo Cospito venne scritto nel 2015 per il n2 del giornale anarchico aperiodico Croce Nera Anarchica. Alle origini del vittimismo “Noi ci impegniamo a liberare monsignor Marco Ussia non appena avremo ottenuto che la chiesa, faccia una dichiarazione a favore della libertà dei prigionieri politici detenuti in Spagna...La... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑